Per uno sviluppo sostenibile dei cantoni, delle città e dei comuni I cantoni, le città e i comuni rinnovano il loro impegno

29 maggio 2012

Da 20 anni ormai continua a crescere l’impegno delle collettività pubbliche locali di tutto il mondo a favore dello sviluppo sostenibile. In Svizzera si contano 16 cantoni, oltre a circa 230 comuni, che se- guono un percorso ufficiale di sviluppo sostenibile con una copertura di oltre il 30% della popolazione. I temi principali trattati in questo ambito riguardano in particolare la mobilità, la gestione del territorio, la natura, il paesaggio e l’energia. Vengono inoltre realizzate anche diverse azioni per la comunica- zione e la sensibilizzazione al tema della sostenibilità.

I cantoni, le città e i comuni svolgono un ruolo centrale nell’attuazione dei principi dello sviluppo so- stenibile, come sottolineato nella domanda per Rio+20 presentata dalla Svizzera (Submission by Swi- tzerland for UNCSD 2012). La collaborazione tra la Confederazione e le collettività pubbliche locali è considerata essenziale. L’ARE funge da promotore e coordinatore dello sviluppo sostenibile, propo- nendo diverse attività e offrendo supporto metodologico, logistico e finanziario.

Una piattaforma per lo sviluppo sostenibile

Da 12 anni la Confederazione propone una piattaforma di scambio tra i tre livelli istituzionali (Confede- razione-cantoni-comuni), il Forum sullo sviluppo sostenibile, che riunisce due volte l’anno questi diver- si attori e interpreta nuove tematiche in relazione alle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile (acquisti pubblici, turismo, sport, la biodiversità nella città sostenibile o l’economia, …). Il Forum è organizzato in collaborazione con la Conferenza svizzera dei direttori delle pubbliche costruzioni, della pianifica- zione del territorio e della protezione dell’ambiente (DTAP), l’Unione delle città svizzere (UCS) e l’Associazione dei comuni svizzeri (ACS). In questo ambito, l’ARE offre diverse attività al fine di pro- muovere l’attuazione dei principi dello sviluppo sostenibile.

Offerta di attività

I cantoni, le regioni, le città e i comuni sono invitati ad avviare o perfezionare un percorso ufficiale di sviluppo sostenibile sotto forma di strategia, linee guida o Agenda 21 locale. Per sostenere questo processo, l’ARE mette a disposizione un’ampia gamma di strumenti efficaci, in particolare una banca dati contenente gli approcci esistenti, strumenti di ausilio per una buona comunicazione e criteri di qualità. La Confederazione può sostenere i percorsi e i progetti anche finanziariamente, attraverso un Programma di incentivazione allo sviluppo sostenibile. In occasione di Rio+20 sono stati scelti sei progetti, in particolare grazie al concorso «Rio+20 anche qui» lanciato nel 2011. In settori quali gli acquisti pubblici o la governance, i progetti hanno per oggetto i temi di Rio+20 (l’economia “verde” e la governance) e risultano di particolare interesse perché sono riproducibili in altre regioni svizzere.

Buoni esempi a cui ispirarsi

Non è necessario reinventare la ruota. Sono già stati realizzati numerosi progetti che contribuiscono allo sviluppo sostenibile. L’ARE ha creato una lista di buoni esempi, classificati per tema, come la comunicazione, gli appalti pubblici, la solidarietà sociale e internazionale, l’alimentazione e l’educazione. In linea con i temi di Rio+20, sono appena uscite due nuove pubblicazioni: «Tourisme et developpement durable. Bonnes pratiques et pistes d’action » e « Promotion économique et dévelop- pement durable dans les cantons. Etat des lieux et recommandations ».

Progettare quartieri sostenibili

Che si tratti di ristrutturarli o di costruirne di nuovi, i quartieri sono il pilastro dello sviluppo comunale e animano il dibattito politico in molte città e numerosi comuni. Questa scala territoriale ben si presta all’attuazione dei principi di sviluppo sostenibile, con edifici a basso consumo energetico e costruiti con materiali rispettosi dell’ambiente, che integrano un mix sociale su più generazioni o favoriscono

un traffico lento. Con il Programma “Quartiere sostenibile”, la Confederazione sostiene i comuni in queste realizzazioni.

Valutazione della sostenibilità

In un contesto politico sempre più complesso, diventa essenziale stimare l’impatto delle realizzazioni o dei programmi già in fase di pianificazione. Con la valutazione della sostenibilità si esaminano i pro- getti in funzione delle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile. Si possono confrontare diverse variabi- li, vengono evidenziali eventuali conflitti di interessi e, a partire da queste conclusioni, si creano le condizioni per poter prendere le decisioni e attuarle in modo coerente. Inoltre, grazie al sistema di indicatori di base «Cercle Indicateurs», 19 cantoni e 16 città possono misurare a che punto sono nel percorso dello sviluppo sostenibile e confrontarsi tra loro.

Informazioni:

Anne DuPasquier, sostituta Caposezione Sviluppo sostenibile, Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE,
tel. 031 325 06 25, 079 423 56 72

www.are.admin.ch/svilupposostenibile